Arte e paesaggio {funzioni}

Nell’inverno del 2015/2016 ho praticato l’arte della pittura impegnandomi,tra i tanti, in questo dal titolo “con i piedi nell’ acqua” ; nel gennaio ,2016, ho preparato la mostra precedentemente documentata su “i luoghi dell’ estate si ricordano di noi? “.

Con buon risultato mi sono ritrovato nella grazia di trascorrere 4 mesi ,,da fine maggio a ottobre in un luogo del mediterraneo,Corsica = nel villaggio di Ostriconi, luogo meraviglioso davanti alla esotica e naturale spiaggia di Ostriconi, trasformandomi in vero buon pizzaiolo Corso.

Sono riuscito, nel da me ammirato intento, a trasferire il mio corpo in modo più stabile, sentendomi spesso in un magnifico aldilà. Colà. 

Tornato a Vigevano ho finalmente concluso 4 anni di presidenza in Arteilfaro onlus ,associazione di artisti con cui ora parteciperò da socio per continuare a coltivare l’idea e la pratica d’arte .

Ora abbiamo conquistato una nuova sede legale e operativa ,atelier e spazio espositivo, dopo l’ esperienza di due anni in un negozio sfitto adoperato per le stesse citate ragioni e di cui si documentava tra Facebook e blog 

www.arteilfaro.wordpress.com

 e per dovere di testimonianze collettive non avevo aggiornato il destino a cui mi ero accostato con screenshare,una buona scusa recuperata assieme a un nuovo dispositivo che mi permette nuove funzioni.

Raggiunto in parte dal paesaggio paradisiaco che nelle opere cercavo,ora sembra ancor più sofisticata la scusa che da cercare per fare dalle proprie azioni l’arte,  serve una migliore e nuova formula per scomodare dalla polvere il termine istintivo di arte.

Ma con digital art e pittura primordiale si può concederci il vizio di riesumare il rinascimento e connettere il destino tra Los Angeles e Valcamonica,,? 
 un nuovo contatto estetico attende la materia per trovare scusa di avvolgere il mondo col proprio avvolgimento, la ricerca del proprio in un mondo che si consuma in esterno o la ricerca dell’ esterno in un mondo che si consuma in proprio.

Quand je ne suis pas le corps,je serai le monde!Par consequent,il est important de manger de bons paysages de l’ame. 

Ora si trovano interessanti parole chiave nuove per trovarci dall’ invio mentre ci si prova ad agganciare l’ intenzione all’ intuizione e crescere con arte.

Avec un petit peu de français et de anglais.

La connexion avec le paysage dans la philosophie de Bachelard aidé en la transcription des signaux humains. La psychanalyse dès fois ; et la volonté dans le imagination des éléments.

Matisse 

Klee 

Iles Rouge

Los Angeles or Bahamas?

Klimt e Athènes 

Tel Aviv e Marseille 

Hawaii and digital science 

Precious stones in connection for intellectual mean of art?

For a good living room.

Remember empty art .

Rembrandt 

| Tagged , , , , , , , , , , | Leave a comment

Nasce il Real Visualismo

Primo documento teorico del Real Visualismo – Nasce il realvisualismo, movimento e contesto artistico che individua il mezzo espressivo della fotografia e del video digitale, con il suo inevi…

Sorgente: Nasce il Real Visualismo

| Leave a comment

WP_003251

 

WP_003245

| Tagged , , , , | Leave a comment

i luoghi dell’estate si ricordano di noi?

ricordo estatecoesistiamo col mondo esterno, il limite tra il nostro corpo e la vita è quasi sconosciuto, il pensiero e le emozioni ricevono in una dialettica che molte volte appare reciproca, e così la domanda che pone l’attenzione sulle geografie del nostro vivere nei momenti in cui più ci sentiamo spensierati, dove incontriamo i luoghi che ci permettono di sentirci sinceramente vivi; e forse siamo più vivi perchè raggiungiamo luoghi da cui proviene la vita, le geologie da cui parte l’immaginazione terrestre che ritorna in vita umana.

in mostra presso Biblioteca civica “L.Mastronardi”, Vigevano.

luoghiestateh8

Posted in Enciclopedia Idealmaterialista, idealmaterialismo, Pittura | Tagged , , , , , | Leave a comment

Arte, filantropia, collezionismo, ricerca artistica contemporanea.

 

 

FullSizeRender (3)

gennaio 2015, grazie al collezionista anonimo

| Tagged , , , , , , | 2 Comments

Perché ciò sia chiaro, bisogna sapere che la differenza tra l’intelletto e la funzione organica della vista è rappresentata dal fatto che tutti gli oggetti di quest’ultima sono equidistanti dalla conoscenza: la percezione sensibile non è infatti una facoltà associativa tale che partendo da uno dei suoi oggetti pervenga necessariamente ad un altro. Per l’intelletto, al contrario, non tutto ciò che è intellegibile è ugualmente prossimo alla conoscenza, ma qualcosa è in grado di considerarlo subito, qualcos’altro invece non lo considera se non sulla base di altro che abbia precedentemente esaminato.

 

(Tommaso D’Aquino, De magistro)

 

WP_000648Marco Favazzi olio su cartoncino 70x100cm 2014

 

 

 

 

Marco Favazzi

Marco Favazzi

 

| Tagged , , , , , , , , | Leave a comment

WP_000504

| Leave a comment