il I caso sotto esame e la sua ierofania

Io dicevo:

Prendendo spunto da studiosi come Jung, il quale dedicò la sua vita alla ricerca delle corrispondenze tra il pensiero umano e l’infinito delle idee trasendentali, ho voluto iniziare un percorso di indagine circa il caso.

Questo percorso di indagine mi ha spinto ad iscrivermi a un corso di laurea magistrale in Biostatisticia (non l’avessi mai fatto), ma mi ha portato a esprimere su tavole ciò che può essere il caso.

Cos’è il caso?

quale funzione ha il caso?

Il caso è tutto ciò che accade e che non riesce ad essere ricondotto a cause. Ovviamente non è possibile conoscere la causa di un incontro tra due sconosciuti in una strada, esso è casuale? se si conoscessero le motivazioni di entrambi non si potrebbe più parlare di caso.

Il caso è il limite della nostra conoscenza,

tutto è una concatenazione di cause, ma l’inizio non è casuale?

io indago, nella mia mente, ed esprimo con i miei lavori pittorici, per il Icaso sotto esame ho voluto indagare le cause atomico-molecolare che governano noi stessi e i nostri pensieri.

Tutto è in corrispondenza, ciò che si muove in alto si muove anche in basso…per citare un Plotino.

Marco Favazzi

I°caso sotto esame

olio,cera e pastelli a cera su masonite 60×80

Ma è ancor più importante ciò che succede in mezzo! tra gli atomi,bosoni,fermioni e i pianeti, sistemi stellari e galassie..nell’uomo! e nel suo rapporto tra tutte le scale.

In seguito scoprii come il caso, essendo ciò che succede in continuità con il tutto, ma di cui non conosciamo la causa, sarà l’origine di tutto ciò che conosciamo,

in quanto limite di e distanza da ciò che non conosciamo.

quindi basta purificare la mente da ciò che deriva dall’esterno e dalla nostra storia, e capire che cosa ci spinge, o meglio la spinta che preferiamo avere, dobbiamo capire per cosa valga di più la pena vivere.

e l’utilità del vivere consiste nel poter provare a vivere

e che vita abbiamo scelto per il nostro unico (memorabile) percorso di vita?

io ho deciso, razionalmente, di investire la  mia vita su ciò che non mi avrebbe deluso come esistenza..

l’unica cosa certa, per il resto, è di morire

e partendo da quella unica consapevolezza ho cercato le connessioni tra tutto ciò che c’è, c’è stato e ci sarà.

e poi diventa un ricevere la luce, il suono, il numero, la lettera,(…)il piacere, la dignità, l’umiltà di vivere.

ora mi giunge l’idea di trattare del libero arbitrio.come ne parlo? forse per caso

ma allora sono spinto dal caso?

per caso le mie scelte si sono affermate tra i mille pensieri che sopraggiungono?

per caso cogliamo l’idea corretta?

e l ‘errore?

ogni nostra scelta e ogni posto in cui rivolgiamo lo sguardo deriva da cosa noi cerchiamo, il libero arbitrio consiste nella libertà di ognuno di giudicare ciò che si vede e ciò che è per noi la vita.

ad ognuno le proprie conseguenze.

per sapere altro riguardo al caso, dipende da ciò che, alla conoscenza di ciò che abbiam detto,  riteniamo che sia il caso, o da chi muova tutto questo meccanismo.

Siamo tutti nella condizione di poter cogliere il senso vero delle cose, il libero arbitrio è la possibilità di dare un valore a ciò che il nostro vivere percepisce, il caso farà il resto, e sarà sempre in base a ciò che abbiamo deciso grazie al libero arbitrio che riusciremo a cogliere il caso che muove e gestisce gli eventi di cui noi conosciamo solo le manifestazioni.

Quindi se si cerca la continuità con tutto ci che esite, troveremo la causa, chiamata caso da chi non la conosce.

Trovare il Caso causante, o la Causa casualmente dipende da come gestiamo il nostro libero arbitrio, dipende da cosa riconduciamo come causa dei nostri istinti e movimenti: serenità, stabilità, ricchezza,potere, verità, pace, amore, sopravvivenza, dipende tutto dal valore con cui siamo disposti a barattare la nostra opportunità di vivere, ma, se posso permettermi, trovata la causa prima, scompare la paura e sbagliare assume un significato completamente diverso, significa non ascoltare, non vedere, non cogliere quanto sia grande il nostro Regno.

About screenshare

harmonize your harmonium in an harmonious way
This entry was posted in Poesie and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s